Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

Tecniche Di Memoria

TECNICHE DI MEMORIA E METODO DI STUDIO Questa guida è il risultato di un corso sulle tecniche di memoria seguito ai tempi dell’università...

lunedì 18 marzo 2013

“BASTA!… da domani ci prendiamo una vacanza!!!”


di Patrizia Benevenga Docente di Scuola Primaria

“Gli spazzini di Borgomatto sono stufi: - Sempre e solo immondizie, basta! Da domani ci prendiamo una vacanza.” (adattato da da ‘E che teatro a Borgomatto’ per il racconto ‘A Borgomatto si ricicla’)

In effetti la storia dei rifiuti la conosciamo benissimo tutti, perché è una storia vera, fin troppo vera!

Sensibilizzare i bambini già dalla primissima infanzia alla produzione del minor quantitativo possibile di rifiuti è quanto si opera in tantissime scuole.
Riportare qui il lavoro di team realizzato nella mia classe, ha come obiettivi quello di offrire degli spunti, trattare un argomento che non andrebbe mai dimenticato, e dare la possibilità ai bambini di sentirsi maggiormente protagonisti e dunque fieri e orgogliosi di quanto fatto insieme e quanto si può fare ancora...

“R” come “Collaborazione” … ma no, non sono impazzita! ^_^ 
Collaborazione inizia per "C", lo so, certo, ma c’è davvero tanto bisogno di collaborare a partire dalla regola delle “TRE R”: Riduci Riutilizza Ricicla per poi scoprire, con un pò di fantasia e buona volontà, che possono esisterne tante altre: Ripara, Recupera, Regala, Rivendi, … per non “RIFIUTARE” più!!!
 
Il riciclaggio è stato affrontato come “primo passo”, nonché come quello più importante, per produrre meno spazzatura, differenziando il più possibile i rifiuti… anche a scuola!
Riflessioni sulla RIDUZIONE dei rifiuti evitando ‘merci’ usa e getta (come piatti e posate di plastica) e scegliendo prodotti con poco imballaggio, sono state fatte attraverso un interessante laboratorio svolto il precedente anno scolastico presso un centro commerciale, dove a gruppi i bambini hanno effettuato ‘una spesa’ a misura di risparmio a partire dal confezionamento. Dunque hanno scoperto che meno è confezionato un prodotto, tanto meno costa e meno si trasforma in spazzatura.

Quest’anno un’ulteriore “mossa” è stata quella di RIUTILIZZARE i materiali di scarto trasformandoli con un po’ di fantasia in oggetti simpatici e creativi. 
Tra le cose che si consumano ogni giorno, le bottiglie di plastica sono senza dubbio quelle più numerose. 
Allora, compito prezioso dei bambini è stato quello di dilettarsi a realizzare con l’aiuto dei propri genitori delle vere e proprie opere d’arte trasformando una bottiglia di plastica in un fantastico coniglietto
E' stata accolta bene l'idea di ritrovarsi coi piccoli ad 'inventarsi' qualcosa ed è stato a loro volta fondamentale per i bambini condividere coi genitori, sempre così indaffarati, un momento di lavoro utile e divertente ^_^


 E vogliamo parlare del dignitoso titolo di RIPARATORI? Ogni bambino ha avuto l’importante ruolo di riparare un oggetto rotto, assumendo un familiare in qualità di assistente! Non solo si sono guadagnati il predetto titolo ma anche un biglietto per l’ingresso gratuito presso un’Oasi del WWF! 



 
In qualche occasione i bambini hanno contribuito ad offerte a sostegno dei bisognosi (terremotati dell'Emilia; famiglie povere sostenute dal Progetto "Formica-amica"), REGALANDO i propri giocattoli, o materiale di consumo, viveri...
Spesso tanti giochi non si usano più, non è così? Organizzare un mercatino delle pulci dove gli oggetti vengono RIVENDUTI attraverso il baratto potrebbe essere una simpatica idea da sviluppare in futuro anche al di fuori del contesto scolastico … ad esempio scambiando libri e fumetti: quelli che hanno già letto con tutti quelli che leggeranno!

Le idee possono essere tante, e come diceva Victor Hugo: "Anche l'idea è nutrimento!" 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...