Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

Tecniche Di Memoria

TECNICHE DI MEMORIA E METODO DI STUDIO Questa guida è il risultato di un corso sulle tecniche di memoria seguito ai tempi dell’università...

mercoledì 12 giugno 2013

Tecniche di memoria - Lez.3: principio della visualizzazione (con esercizio)


Mettiamoci all'opera per sperimentare un primo assaggio di tecniche di memoria. Ovviamente si tratta solo di un esempio che non esaurisce nemmeno una minima parte dell'argomento; ci permette però di iniziare a farci un'idea.

Seguono 18 parole: leggile con attenzione una sola volta, non di più (puoi anche barare, ma non servirebbe a nulla perché imbroglieresti te stesso :) )

1. TAVOLO
2. MELA
3. RE
4. TAPPO
5. MAMMA
6. NAVE
7. SCARPA
8. DOCCIA
9. CERINO
10. LETTO
11. MUCCA
12. LAMA
13. AUTOMOBILE
14. PENNA
15. QUADRO
16. COMPUTER
17. LUMACA
18. BICICLETTA
19. LIBRO

Queste 19 parole - scelte a caso e di getto - sono sufficienti per iniziare.

A questo punto non tornare a sbirciare
l'elenco delle parole per nessuna ragione e...

RISCRIVILE NELL'ESATTO ORDINE IN CUI LE HAI LETTE!

Coraggio! Prendi un foglio, crea un elenco numerato da 1 a 19 e riscrivi le parole. 

Fatto questo confronta il tuo elenco con quello che ti è stato dato: verifica quante parole hai ricordato complessivamente e quante ne hai ricordate nell'esatto ordine in cui erano scritte.

Gli esperti hanno calcolato che, mediamente, una persona ricorda dalle 3 alle 5 parole in ordine, più qualcun'altra sparsa qua e là.

Sperimentiamo ora - per memorizzare le 19 parole - una strategia molto semplice che si basa sul principio della visualizzazione. Tale principio permette di vedere con la mente, di immaginare in modo nitido oggetti, concetti, idee e proiettarli nel nostro cervello come se fosse un grande cinema. Dopo di ciò basta collegare le immagini e ... il gioco è fatto!
Niente di alchimistico, sono risorse naturali della nostra mente che si possono sfruttare a proprio vantggio.

Vediamo come fare:
Inseriremo ora le parole da memorizzare all'interno di una breve narrazione inventata, con collegamenti fantasiosi e bizzarri; è importante immaginare nel modo più particolareggiato possibile ciò che viene narrato, soffermati in modo particolare ad immaginare sia la vicenda sia le parole scritte in stampato grassetto.
Immagina di osservare un grosso TAVOLO (magari anche quello di casa tua, ma enorme) e, a guardarlo bene, ti accorgi che non poggia su normali gambe, ma è sostenuto da un'enorme MELA (verde, è più buona). Ad un certo punto la mela inizia a rigonfiarsi, come se dentro vi fosse qualcuno che scalcia... effettivamente si squarcia e da lì esce un RE, con corona e mantello. Il re inizia ad agitarsi, si tocca la pancia perché gli fa male, la sua gola si gonfia, la sua bocca si ingrandisce e sputa un enorme TAPPO che va a finire dritto in fronte a tua MAMMA. Tua mamma fugge con il tappo su una NAVE a vapore, nave bellissima e antica, tuttavia urta contro un ostacolo e va in frantumi: l'ostacolo è una SCARPA enorme, gigantesca e malridotta. All'interno, dove si inserisce il piede, c'è una DOCCIA; provi ad aprirla ma l'erogatore sembra ostruito, non esce nulla... lo smonti e dentro trovi un CERINO grande come un tronco d'albero. Provi a sfregarlo e alla prima scintilla tutto esplode e tu voli in aria... la tua caduta viene attenuata da un LETTO comodo e ampio su cui atterri. Il letto piano piano inizia a gonfiarsi, vedi delle corna emergere da sotto le coperte e poi una MUCCA squarcia il letto a metà. Ad osservarla bene questa mucca non ha una normale coda, ma ha una LAMA affilatissima e dentata, la agita fino a lanciarla su un'AUTOMOBILE (la tua o di tuo padre :) ) che viene tagliata a metà. Ti accorgi che sotto la macchina, al posto della marmitta c'è una PENNA bellissima, stilografica, che si anima, inizia a camminare e da sola dipinge un QUADRO. Il quadro lo guardi bene, ma è il monitor di unCOMPUTER, proprio il tuo COMPUTER, che diventa sempre più grande e in sovraimpressione compare un conto alla rovescia .. 3...2 ..1 ... esplode il monitor e dietro appare una LUMACA gigante, con le sue antenne e ti sorride. Ti saluta con una mano grigia come lei e monta in BICICLETTA. Non si accorge, poverina, che mentre è intenta a salutarti non guarda la strada e urta contro un ostacolo enorme fino a spiaccicarvisi del tutto: è un LIBRO, grande almeno come una casa, il tuo libro preferito.

Bene, abbiamo utilizzato tutte le parole. Ora ripassa la storiella a mente focalizzando la tua attenzione sulle parole chiave.

A questo punto non ti resta che ricreare un elenco da 1 a 19 e ... da 19 a 1! Sì, perché ora ricorderai le 19 parole sia nell'ordine in cui sono scritte sia al contrario... semplicemente ripetendo la storiella dalla fine all'inizio. 

Mettiti all'opera...
Scommetto che sei riuscito a riscrivere esattamente tutte le parole
 sia in un verso che nell'altro! 

Complimenti!!!

Bene, nei prossimi post entreremo meglio nell'argomento e inizieremo a capire qualcosa in più su questo interessante mondo delle mnemotecniche. Intanto puoi inventare tu stesso 19, 20 o più parole (all'inizio ti suggerisco di usare parole che richiamano oggetti concreti) ed esercitarti con la tecnica che hai appena imparato... magari, quando la padroneggerai, prova a stupire qualche tuo amico o familiare!!! :)

Copyrights 2013 - Guamodì Scuola


E' vietata la riproduzione, anche parziale, delle informazioni qui contenute.
 Le violazioni saranno perseguite a norma di legge.
 E' consentita la sola segnalazione tramite link.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...