Seguici con il Feed Rss

Post in evidenza

Tecniche Di Memoria

TECNICHE DI MEMORIA E METODO DI STUDIO Questa guida è il risultato di un corso sulle tecniche di memoria seguito ai tempi dell’università...

mercoledì 3 dicembre 2014

"Una pelle color miele": il documentario animato che racconta l’adozione

Di Michela Di Michele

Diamo a Michela Di Michele il benvenuto su Guamodì Scuola. La ringraziamo per la recensione che segue, scritta interamente di suo pugno e frutto della sua passione e sensibilità. Mille grazie! Cara Michela, il nostro blog sarà lieto di pubblicare altri contenuti che tu voglia condividere con noi :)


Couleur de Peau: Miel è un documentario animato sull’adozione e sulla ricerca della propria identità. 
Semplice nel linguaggio, chiaro nella spiegazione dei fatti e molto emozionante, ha gli ingredienti giusti per raccontare una storia complicata e dolorosa suscitando anche l’interesse dei più piccoli.

È il 1970. Jung ha cinque anni, quando un poliziotto lo prende per mano mentre cammina da solo nel mercato di una Seul devastata dalla guerra. Il suo destino si incrocia, in quel momento, con quello di almeno altri duecentomila bambini coreani orfani o abbandonati e dati in adozione all’estero. La foto seppia consegna, alla famiglia belga, Jung Sik Jun, anni 5, colore della pelle: miele.
L’unica scarna e fredda descrizione del bambino diventa il titolo del documentario autobiografico, realizzato da Jung adulto per raccontare la sua vicenda e dipanare l’intricato percorso di adozione. Prima la coppia  che lo rifiuta per una cicatrice sotto al naso, poi l’arrivo nella famiglia numerosa che lo accoglie con inesauribile affetto , anche di fronte alle marachelle più o meno gravi. L’”orientale”, infatti, come lo chiamano gli altri, rischia di accecare la sorellina, rubacchia per dispetto e trucca i voti della sua disastrosa pagella. L’adolescenza è il periodo più difficile, nel quale il vuoto di Jung diventa più profondo. Poi le sue esperienze e il calore delle persone a lui vicine, lo porteranno a crescere e a sentirsi non un “diverso”, ma una persona più ricca.

Il cartoon porta alla luce un aspetto importante: l’adozione è un processo biunivoco, nel quale entrambe le parti devono imparare a voler bene a persone che non conoscono, spesso distanti per cultura e ognuna con la sua storia. Si devono poi aggiungere tutte le persone che fanno parte della società in cui vive la nuova famiglia: i compagni di scuola, gli insegnanti, i ragazzi che si incontrano nelle attività sportive, gli amici, i parenti. “Chi viene adottato – racconta Jung – è alla costante ricerca della sua identità e di un risarcimento affettivo. Volevo ricevere e non volevo dare”.
La riconciliazione avviene grazie alla passione per il disegno e la cucina asiatica. Jung, in una occasione,  è tornato in Corea e per la prima volta ha camminato per strada senza essere guardato come uno straniero. Si sentiva a casa, ma al tempo stesso anche un turista. Dopo tanti anni passati a chiedersi se fosse europeo o asiatico, ha capito che poteva essere tutti e due.


Il documentario d'animazione  ha vinto il premio del pubblico e quello dell'Unicef al Film Festival di Annecy nel 2012.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...